Come Realizzare un impianto TV

Come Realizzare un impianto TV

Ciao e Benvenuto su PresoBene.it in questo articolo ti dirò che cosa ti serve di base per realizzare un impianto TV antenna a Regola d’Arte.
Non preoccuparti, se sei qui non sei un esperto e so che stai cercando informazioni semplici, sei nel posto giusto! Se invece hai già delle basi e vuoi migliorarti sei comunque nel posto giusto :-).

Ho fatto sotto la guida di mio padre e e quella di mio fratello questo lavoro con passione e dedizione per parecchi anni testando antenne e componenti di varie aziende.
C’è chi pensa che l’antennista sia un lavoro semplice, ho conosciuto parecchi elettricisti, che seppur ferrati in materia, provano a realizzare impianti commettendo parecchi errori, molti di questi passano inosservati perchè magari hanno un buon campo visivo verso il ripetitore  e quindi anche se non bene distribuito si ottiene un buon livello di segnale all’utilizzatore (la TV).

Fratelli Iezza

Offro Consulenze su come realizzare un impianto, ti basterà contattarmi fissare un appuntamento e prenderò in esame la tipologia di impianto più adatta alle tue esigenze. 

Tipologia di Antenna

Per tipologia di antenna si intende la frequenza per la quale l’antenna è stata progettata a ricevere.

In Italia al momento vengono utilizzate due Bande VHF UHF e le trasmissioni dai ripetitori vengono effettuate in modalità Verticale o Orizzontale. Esiste un antenna chiamata antenna logaritmica in grado di lavorare su entrambe le frequenze.
Ciò che rende divertente e interessante questo lavoro è che ogni impianto può variare dipendendo appunto dal tipo di sistema utilizzato dal ripetitore di trasmissione. 
Ti ho spaventato con i dati? non è cosi difficile la scelta, se hai dei vicini di casa quello che puoi fare è appunto sbirciare sui tetti per capire che tipo di antenna necessita per la ricezione dei canali TV nella tua zona. 

Antenna VHF
Antenna VHF
Antenna UHF
Antenna UHF
Antenna Logaritmica
Antenna Logaritmica

Quantitativo di prese necessarie

Con il quantitativo di prese necessarie, si intende in quanti punti di casa vuoi mettere una presa TV.
Questa è la parte più complicata dove ho visto commettere molti errori, per cercare di farti capire come funziona mi piace fare riferimento a un esempio chiarificatore che ti permetterà di capire come funziona il livello del segnale TV:

immagina un impianto di acqua in dei tubi dove c’è una certa pressione, di logica se in molti aprono i rubinetti la pressione va diminuendo e alcuni in determinati punti potrebbero non avere acqua a sufficienza, la stessa cosa succede in un impianto di antenna dove più prese TV abbiamo e più ci serve una pompa (Centralino) che permetta a tutti di fruire dello stesso livello in equa misura.

Esistono due tipi di prese per la TV:

  • Passanti 
  • Derivate o Terminali

Per sapere quali, dove e come utilizzarle serve dapprima sapere la potenza del segnale erogata dal centralino, sapere quante utenze vengono collegate e come il progetto della stesura dei tubi è ideato. 

Se posso consigliarti e se i tubi dove passano i cavi lo permette la soluzione migliore è utilizzare sempre e solo prese derivate perchè per montare prese passanti devi fare il calcolo di quanti decibel di attenuazione ti servono e se non hai uno strumento in grado di misurare il segnale potrebbe essere azzardato.

tipo di prese

Tipo di cavo

In un impianto TV la cosa su cui  a mio parere non bisogna lesinare e il cavo utilizzato per i collegamenti e la distribuzione.
Perchè? Come avrai capito un impianto TV non è collegato e distribuito come un impianto elettrico quindi per non avere perdite è meglio utilizzare buona qualità sia di cavo che di componenti, un impianto antenna fatto come si deve e con buoni materiali, fatte eccezione di situazioni con agenti atmosferici particolari dura tranquillamente 10/15 anni,  ho impianti fatti che ancora lavorano da più di 20 anni senza manutenzione.
Perchè ho citato agenti atmosferici? beh questi sono determinanti per la buona riuscita dell’impianto e un cavo di buona alta qualità sopporta meglio l’esposizione a sole caldo, pioggia e ghiaccio.

Tipo di tetto e isolamento da pioggia

Ci sono alte probabilità che per montare un impianto TV debba recarti sul tetto, lo sconsiglio ad improvvisati può essere molto pericoloso e oltre che pericoloso se non si mettere in isolamento il punto in cui il palo esce dal tetto ti troverai il sottotetto allagato alla prima pioggia.
Esistono diversi tipo di false tegole fatte di plastica, le più economiche e meno durature, e quelle di piombo che durano davvero una vita.
In base al tipo di tetto dovrai acquistare il tipo di tegola, quella che si adatta tutti i tetti è quella di piombo. Naturalmente starei giorni a descrivere i tipi di ancoraggio possibili per un palo quindi sta a te cercare il modo migliore e sicuro per fissarlo! Non andare leggero sulla scelta di ancoraggio palo, sul tetto c’è quasi sempre vento e il palo deve subire molte flessioni e rotazioni avendo le antenne che fanno vela consiglio almeno diametro 40 mm. 

tegola piombo
tegola plastica morbida

Ti senti pronto?

Hai letto queste informazioni e vuoi crearti un impianto? Chiamami  e ti fornirò tutte le informazioni che ti servono, tipo di antenna, cavo, prese, tegola, palo, alimentatore, centralino.
Credo che non si possa fare una guida a come installare un impianto perchè ogni impianto viene effettuato in maniera diversa. Utilizza il form che trovi QUI per contattarmi e chiedere una consulenza.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to Top